Il 27 maggio a Busto Arsizio per dire no all’incenerimento e si alla fabbrica dei materiali

Il programma per martedì 27 Maggio sarà il seguente:

La conferenza con Paul Connett (***) e Enzo Favoino avverrà alle 18,30.

Si terrà nella sala più grande di Villa Tovaglieri (vicino a Piazza San Michele) circa 100 posti.

Possiamo ipotizzare che l’incontro durerà fino alle 20,30 quindi avremo modo di trasferirci davanti all’ACCAM con Connett per una conferenza stampa al volo.

A seguire, per chi lo desidera cena alla Cascina Burattana di Borsano con Connett

Chi intende esserci alla cena lo comunichi al più presto (cinque891@live.it).

Paou Connett è uno degli scienziati che hanno studiato approfonditamente gli effetti delle diossine prodotte dagli inceneritori.

paul-connett-september-2010-visit-sgb-emLaureato alla Cambridge University, ha conseguito un Ph.D. presso il Dartmouth College, professore alla St. Lawrence University dal 1983 al 2006 ed oggi professore Emerito. Si è impegnato sulle indagini scientifiche contro la pratica della fluorizzazione dell’acqua.

Connett si è opposto all’incenerimento come metodo di gestione dei rifiuti solidi urbani, basandosi sull’analisi chimica dei sottoprodotti del processo: la sua attività di attivista lo ha condotto a fare oltre 1700 presentazioni pubbliche in 49 Stati degli Stati Uniti, cinque province canadesi e in 44 altri paesi del mondo. Sul tema ha scritto molti articoli sulla diossina.

In Italia è presidente del comitato scientifico della commissione Rifiuti Zero di Capannori, primo comune in Italia ad adottare tale strategia di gestione del servizio.

Ecco la lettera inviata il 15 maggio 2014 dalie Associazioni ambientaliste sul tavolo tecnico e i tentativi di depistarli verso obiettivi contrari alle indicazioni dei Comuni del Consorzio.

Comitati e Associazioni firmatarie come in calce alla pagina

Spettabile REGIONE LOMBARDIA

Piazza Città di Lombardia 1, 20124 Milano

Alla cortese attenzione Gent.ma Dott.sa Claudia Terzi

Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Egr. Dott. Luca Marsico

Presidente della 6^ Commissione Ambiente e P. Civile

Egr. Dott. Dario Sciunnach

Direzione Generale Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

p.c. Spettabile ACCAM SpA

Via Strada Comunale di Arconate 121, 21052 Busto Arsizio (Va)

Alla cortese attenzione del Presidente Egr. Dott. Roberto Antonelli

dell’Amministratore Delegato

Egr. Dott. Giorgio Ghiringhelli

p.c. Spett.li Amministrazioni dei Comuni Soci di Accam SpA

Busto Arsizio, 16 maggio 2014

Oggetto: Richiesta di delucidazioni in merito all’incontro ristretto avvenuto presso gli uffici della Regione Lombardia in data 14/05/2014. Gent.ma Dott.ssa Claudia Terzi, Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Regione Lombardia, i Comitati e le Associazioni firmatari della presente sono perplessi e sorpresi per le modalità con cui è stato organizzato e si è svolto l’incontro in oggetto, promosso dal Dott. Sciunnach. Risulta infatti che gli unici invitati a convenirvi siano stati i Dirigenti di Accam ed il Politecnico di Milano, escludendo di fatto non solo i Comuni Soci, ma anche gli altri tecnici ammessi al costituendo tavolo tecnico. Quanto accaduto ci ha stupito dato che il tema dell’incontro era “L’impostazione dei lavori del costituendo GDL”, e ancor di più ha stupito il fatto che, per quanto abbiamo potuto apprendere, il mandato che verrà dato al Politecnico di Milano non è vincolato allo studio di alternative al revamping, come era stato concordato con i Sindaci dei Comuni Soci durante la riunione in Accam (di cui si allega il verbale), ma sarà al contrario un mandato più ampio, che comprende ancora la possibilità di revamping, o magari di un revamping parziale, dell’impianto. Un mandato finalizzato al revamping (anche parziale) non solo sarebbe in evidente opposizione con gli indirizzi e le politiche della Regione Lombardia in tema di gestione dei rifiuti, ma costituirebbe senza dubbio un inutile spreco di risorse pubbliche, considerato che uno studio in questo senso, Le ricordiamo, è già stato commissionato, e ben pagato (160.000 Euro), da Accam alla Società Bain, studio che ha lasciato alquanto perplesse le Amministrazioni sui costi e sulla durata prevista di vita dell’impianto. Per questo i Sindaci soci hanno chiesto che venissero avviati degli studi di sistemi ALTERNATIVI che, nel succitato studio, non erano stati presi in considerazione. Negli ultimi mesi abbiamo potuto apprezzare la volontà del Consiglio Regionale che, con la Risoluzione n. 9 del 28 novembre 2013, ha chiaramente definito che esiste la problematica di una sovraccapacità di incenerimento in Lombardia (e stiamo parlando di previsioni a medio termine che parlano di 1.298.003 tonnellate annue di surplus di capacità impiantistica), e che si pone a tutela della salute dei cittadini attivandosi per contrastare la “rete nazionale degli inceneritori” (citata nel D.D.L. collegato alla Legge di stabilità). Si legge infatti nella risoluzione approvata: “l’amministrazione regionale deve predisporre tutte le opportune iniziative per evitare che il sistema infrastrutturale di termovalorizzazione e incenerimento lombardo diventi un terminale europeo per il trattamento finale dei rifiuti in competizione con altre piazze del centro-nord Europa, interessate a loro volta da un’analoga condizione di sovradimensionamento impiantistico”. Per questo abbiamo grandi aspettative da chi oggi sta amministrando la nostra Regione e ha la possibilità reale di cambiare lo “status quo” con iniziative a favore dell’ambiente e delle future generazioni, le quali giudicheranno il nostro operato di oggi. In attesa di un gentile e sollecito riscontro alle nostre richieste, Le porgiamo distinti saluti.

In Fede

I Comitati e le Associazioni di cui seguono le sottoscrizioni Comitato Inceneritore e Ambiente Borsano – Ecoistituto della Valle del Ticino – Rete Rifiuti Zero Lombardia – Salviamo il Paesaggio Inveruno Furato – Associazione InFormazione InMovimento di Legnano – Salviamo il Paesaggio Legnano Villa Cortese Canegrate – Associazione 5 Agosto 1991 di Buscate – Comitato No Terza Pista di Vanzaghello – Legambiente “Ticino” – Turbigo.

(Destinatario della risposta: Adriano Landoni referente/portavoce email: alandoni@alice.it)